EVIVA I CASONSEI DEL MARINU’


…Adèss sènte’l bisògn de ringrassià

ol caro mé coléga Marinù,

u baradèl, maestro de bontà

e Re di Casonséi ma d’i piu bù

perché i è sostansius e genuì:

col boter, co la pana, o col brodì

i fa sparì del tot ogne dolùr,

sensa bisògn de ciamà ‘l dutur!

Difati, o Marinù, i tò casonsèi,

      al dé de’nco i guaréss la polmonite,

    ol mal de cò, la rogna, i sbrofadéi,

ol tetano, ‘l colera, la bronchite,

  ol mal de cor, la lèngua patinada,

      po’ l’ulcera ‘nde stòmech, perforada:

insòma i fa guarìde tocc i mai,

    e i fa desmentegà ‘nfina…i cambiai!

Mé, doca, te ringrassie, o car amis,

a non de tota quanta chèsta zet

che l’a gostàt impò de paradis,

e te giure che mé sarèss contét

de serà i occ, insòma de … crepà,

“magare ‘ncò, per no spetà ‘ndomà!”

se foss sigur  de troà ‘n del mond de là

‘sce casonséi, la tò specialità!

 

CORIOLANO MAZZOLENI (CURIO)

EVVIVA I CASONCELLI
DEL MARINONI

…Adesso sento il bisogno di ringraziare

il caro mio collega Marinoni

un baradello*, maestro di bontà

e Re dei Casoncelli tra i più buoni

perché sono sostanziosi e genuini

col burro, la panna e il brodo

fanno sparire del tutto ogni dolore

senza bisogno dei chiamare il dottore

Difatti, caro Marinoni, i tuoi casoncelli

  al giorno d'oggi, guariscono la polmonite,

il mal di testa, la rogna, i brufoli

il tetano, il colera, la bronchite,

  il mal di cuore, la lingua bianca,

     anche l'ulcera perforata nello stomaco

insomma guariscono tutti i mali

    e fanno dimenticare anche...le cambiali!

Io, dunque, ti ringrazio, o caro amico

a nome di tutta quella gente

che si è gustata questo paradiso

e ti giuro che sarei contento

di chiudere gli occhi, insomma di ...morire,

“magari oggi, per non aspettare domani!”

se fossi sicuro di trovare nell'altro mondo

questi casoncelli, la tua specialità!

CORIOLANO MAZZOLENI (CURIO)

* (soprannome degli abitanti Clusone)